Incontro Cia. La politica di De Laurentiis per lo spazio rurale

Tuesday, 02 December 2008 15:56 UDC Abruzzo - Comunicati stampa
Print

“Non siamo di fronte ad una normale scadenza elettorale, ma ad una situazione eccezionale sia per le vicende di luglio che per il quadro economico e sociale della nostra regione” con queste parole il candidato presidente Udc Rodolfo De Laurentiis interviene all’incontro Cia, organizzato a Pescara._ “Il Prodotto interno lordo perde, negli ultimi 7 anni, 5 punti percentuali e le previsioni per il prossimo anno indicano un’ulteriore riduzione dell’ 1,5 %, la produttività perde 2 punti, l’occupazione lo 0’2%. L’eccezionalità di questi numeri ci fa capire che l’Abruzzo si trova in una situazione di crisi strutturale, non più congiunturale che impone di affrontare il tema dello sviluppo in termini globali, senza parcellizzare gli interventi_ continua il leader regionale Udc _ Le idee ed i progetti per lo sviluppo si devono poggiare sul coinvolgimento di tutte le associazioni di categoria, le organizzazioni sindacali ed i corpi intermedi, insomma di tutti coloro che rappresentano interessi legittimi nella nostra regione. Il prossimo governo regionale dovrà recuperare risorse dalla semplificazione degli enti e dalla revisione della spesa pubblica e dovrà procedere allo snellimento e la sburocratizzazione dell’apparato pubblico e dei suoi organismi per essere in sintonia con i bisogni dei cittadini e delle imprese. Le risorse sono da collocare poi nella direzione di un grande progetto per lo sviluppo della capacità competitiva della nostra regione _ prosegue il candidato presidente _ Sono d’accordo su quanto affermato dal Presidente della Cia, Domenico Falcone, occorre una riduzione delle tasse che colpiscono le imprese e le famiglie. La Politica agricola comunitaria è l’obiettivo delle conseguenti azioni programmatorie contenute nel nuovo Piano di sviluppo rurale della Regione (2007 – 2013). Un Piano che deve mirare a realizzare una più alta qualità delle produzioni, della vita, della cultura, nelle aree rurali che si integrano, secondo le stesse linee suggerite dall’Ue, nel Piano strategico regionale che dovrà prevedere una efficace e celere gestione delle Misure i cui bandi sono stati già approvati e una sollecita approvazione di quelle rimanenti”. Ad uno ad uno  De Laurentiis elenca i primi interventi necessari per rilanciare il settore primario: “Occorre riconsiderare l’ammontare delle risorse previste, nelle voci di bilancio regionale dedicate al settore agricolo, sacrificate e decurtate negli ultimi sei anni. Le scelte politiche devono puntare a salvaguardare i territori con attività ed insediamenti produttivi, valorizzando i comparti agricoli, artigianali e turistici. Bisogna spingere per una legge quadro in materia di agricoltura e agriturismo per migliorare e rafforzare le infrastrutture nei territori rurali. E’ inoltre necessario garantire un processo di riforme e azioni tra pubblico e privato nell’attività di ricerca, innovazione, assistenza tecnica, formazione professionale per consolidare la produzione agroalimentare abruzzese. Con queste impostazioni, la Regione dovrà assicurare qualità e competitività alle nostre produzioni e renderne quindi più efficace l’accesso nei mercati nazionale ed estero anche attraverso iniziative promozionali che evidenzino concretamente le attrattive dell’offerta della nostra regione” conclude De Laurentiis.                       

Blog del candidato Presidente Udc Rodolfo De Laurentiis: www.2008abruzzovoltapagina.wordpress.com